Seleziona una pagina

E–book

Out of the Blue
L’Immateriale di Yves Klein incontra l’acentrismo

In questo volume antologico è contenuta l’intera ricerca artistica di Mya Lurgo in costante aggiornamento.

I testi che seguono sono estratti suddivisi per categorie.

Pittura

Dal 1995

La Fase I dell’acentrismo nasce dal bisogno di fare pulizia, disgregare i connotati che determinano la personalità e risolvere il SOSpeso emozionale, scomponendo (acentrizzando) la forma mentis. Come? Osservando il via vai dei propri pensieri. Perché? Perché il pensiero crea. Cosa? La nostra percezione di realtà. L’osservazione iper-lucida dei propri stati mentali consente di mantenere solo ciò che è conveniente pensare, secondo ciò che s’intende ancora esperire nel quotidiano vivere. Il resto va cestinato. Non pensato, non evocato.

Lightart

Dal 2004

A seguito della Fase I (pulizia mentale dell’artista e materiale dell’opera), l’artista sviluppa l’abilità di cogliere tra le righe della materia la presenza sovrasensibile.
Qui l’addentrarsi in cause sottili diventa l’ordine del giorno e la luce diviene non solo mezzo espressivo per l’arte, ma anche referente metafisico. In questa Fase II si compie il primo significativo passo verso l’Immateriale.
Esercizi quotidiani addestrano l’occhio a intra-vedere per ottimizzare la capacità di cogliere l’invisibile in ciò che è visibile e viceversa. La Fase II pone tutto il suo interesse sulla Luce che anima, sugli intra-mondi, sebbene tale indagine sia sempre in divenire e sul nascere delle circostanze; proprio questo accadere-cadere nella materia è il punto di partenza della serie Vetrini di Luce Dipinti.

Digitalart

Dal 2006

La Fase III è l’incontro con l’Immateriale attraverso la virtualità dell’arte digitale. Questo medium consente di creare e trasmettere opere eteriche: visibili ma non realmente tangibili.
Nella Fase III dell’acentrismo sono state realizzate cinque serie sviluppate nel tempo in quest’ordine: Stargates ascensionaliBolle a orologeria, Abiti di san(T)itàCorpo di Luce Polluzioni tantriche.

Installazioni

Dal 2011

A seguito della Fase I (pulizia mentale dell’artista e materiale dell’opera), l’artista sviluppa l’abilità di cogliere tra le righe della materia la presenza sovrasensibile. Qui l’addentrarsi in cause sottili diventa l’ordine del giorno e la luce diviene non solo mezzo espressivo per l’arte, ma anche referente metafisico. In questa Fase II si compie il primo significativo passo verso l’Immateriale.
Esercizi quotidiani addestrano l’occhio a intra-vedere per ottimizzare la capacità di cogliere l’invisibile in ciò che è visibile e viceversa. La Fase II pone tutto il suo interesse sulla Luce che anima, sugli intra-mondi, sebbene tale indagine sia sempre in divenire e sul nascere delle circostanze; proprio questo accadere-cadere nella materia è il punto di partenza della serie Vetrini di Luce Dipinti.

Out of the Blue

Dal 2011

Le quattro fasi dell’acentrismo sono “strumenti ecologici e rituali” atti a forgiare l’artista, prima ancora dell’opera, per iniziarlo all’Immateriale e consentirgli il superamento del tradizionale concetto di intuizione, inteso quale sporadico stato di “grazia superiore”, captato non per volontà propria o desiderio, bensì per momentanea affinità elettiva. I processi messi in atto dalle quattro fasi acentriche consentono all’artista di implementare la connessione con l’Immateriale sino alla comunione diretta, cosciente e senza interruzioni: un perpetuo stato di grazia Out of the Blue.

Ricerca I    
Out of the Blue_BLOOMING

Dicembre 2016

Questa serie di lavori, tuttora in elaborazione, è dedicata ai figli non abortiti, quelli la cui nascita è stata però oggetto di discussione, dubbio, ripensamenti e paure.
Anime giunte in anticipo e inattese.

Ricerca II  
Out of the Blue_SAMSARA

Febbraio 2017

Porta a ritrarre asperità e fotogrammi d’incomprensioni conservati in memoria, per giungere ad abbracciare le figure/configurazioni genitoriali congiuntamente al loro vissuto ereditario: sintesi delle coordinate originali ricevute e implementate nel corso di più vite, se è plausibile crederlo.

Ricerca III  
Out of the Blue_APOCALYPSE

Dicembre 2017

La seconda ricerca è ultimata con l’approccio a Kether e con l’intuizione “il ponte riapre la fontanella”. La terza ricerca ha inizio pertanto con questi interrogativi: quale ponte? Quale fontanella? A cosa corrisponde Kether e quale correlazione intercorre tra loro?

Mya Lurgo

acentricatelier
via Ur Stradón 11
CH–6994 Aranno, Svizzera
myalurgo@gmail.com
+41 79 626 70 38